vecchi-inter-primavera

SERIE A, CONTRO IL SASSUOLO L’INTER RIPARTE DA VECCHI

Rialzare la testa dopo l’ennesima debacle è l’obiettivo primario dell’Inter, che dopo aver salutato Pioli, tona nelle mani di Stefano Vecchi, già al comando dei neroazzurri nel periodo coinciso con l’allontanamenteo di De Boer. Non sarà semplice il compito del tecnico della Primavera, che per le ultime tre giornate di campionato, dovrà cercare di far ritrovare convinzioni e fiducia ad un gruppo che nelle ultime 7 partite non è mai riuscito a centrare i tre punti. Il sesto posto che vale i preliminari per la prossima Europa League dista sempre tre punti, perchè anche i cugini rossoneri nell’ultimo periodo hanno inserito la retromarcia non riuscendo a prendere il largo e lasciando i giochi ancora aperti. A San Siro arriva il Sassuolo di Di Francesco, reduce da un periodo altalenante, contraddistinto da 2 vittorie e tre pareggi, l’ultimo in ordine cronologico quello beffa contro la Fiorentina, capace nei minuti finali di centrare il 2-2 con Bernardeschi. Salvezza già raggiunta e imbattibilità che dura ormai da 5 partite per i neroverdi, che per la sfida di San Siro dovrebbero cambiare poco o nulla rispetto all’ultima gara, con Di Francesco che con tutta probabilità riproporrà il 4-3-3, che a centrocampo vedrà però l’assenza di Duncan bloccato da una distrazione al retto femorale della coscia destra, con l’attacco affidato ancora una volta a Berardi e Politano e con il ballottaggio tra Matri e il rientrante Defrel per l’ultima maglia da titolare. Sul versante opposto Vecchi non dovrebbe variare lo schema tattico finora utilizzato da Pioli, con l’Inter che vestirà ancora una volta il 4-2-3-1, che in difesa vedrà Murillo sostituire lo squalificato Medel e fare coppia con Andreolli, visto il non recupero di Miranda. L’altra novità potrebbe essere Brozovic schierato in mediana al fianco di Gagliardini, data l’assenza per squalifica di Kondogbia, mentre in attacco Joao Mario sarà il trequartista dietro a Icardi, supportato sugli esterni dai soliti Perisic e Candreva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *