eeee

PSG, DOPO IL DISASTRO IN CHAMPIONS AL VIA UNA RIVOLUZIONE INTERNA?

Dietro ogni grande impresa c’è sempre chi dall’altra parte vive un dramma, sportivo sia chiaro. La notte del Barcellona ma soprattutto l’incubo del psg. Le sorti del club Parigino ora sono sulla bocca di tutti anche per via di quello che è stato il ritorno in patria con la contestazione da parte di alcuni presunti tifosi . Nel giro di poche settimane Unai Emery è passato dalle stelle per quel 4-0 alle stalle. Uno dei principali responsabili di quella notte che a Parigi ricorderanno per sempre è proprio lui, tanto che i transalpini stanno pensando al sostituto e il nome che emerge lo conosciamo bene, quel Roberto Mancini che è alla ricerca di un progetto serio e che lo possa rimettere in carreggiata. Allenatore e calciatori, perché sotto la lente di ingrandimento ci finiscono anche e ovviamente loro. Qualcuno potrebbe avere voglia di cambiare aria, ed è proprio questo il momento giusto per approfittare degli umori altalenanti dei calciatori e dei procuratori. Da Verratti a Cavani, quanti i talenti che potrebbero fare la differenza che potrebbero lasciare la terra dell’amore per antonomasia. L’ex Pescara ha una lista di pretendenti lunga, anzi lunghissima. Dalla premier alla serie A, dall’Inghilterra e dall’Italia la musica però al momento sembra non cambiare. Verratti non vorrebbe lasciare Parigi, fanno sapere dal suo entourage, situazione diversa per Cavani che già da qualche mese ha manifestato incertezza sul suo futuro. In Francia sono convinti che se il club non gli troverà una soluzione potrà arrivare a scadenza nel 2018 e si libererà a zero.  Senza dimenticare Di Maria, Rabiot, Matuidì e Trapp giocatori che daranno filo da torcere al direttore sportivo in estate se non dovesse esserci un nuovo progetto. Insomma da una parte una lista lunga di pretendenti per Verratti, dall’altra un calciatore con il mal di pancia da mesi. A Parigi saranno sicuramente mesi difficili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *