Warriors at Wizards 2/3/16

NBA, PLAYOFF: WARRIORS SCHIACCIASASSI, SPURS AI MINIMI TERMINI

I Golden State Warriors mantengono l’imbattibilità nei playoff e riescono ad avere la meglio dei San Antonio Spurs in gara-2 nella Finale di Conference ad Ovest. A differenza del primo match della serie, sono 48 minuti con il risultato mai in discussione. L’assenza di Kawhi Leonard si sente tutta e la squadra di Gregg Popovich si dimostra spesso e volentieri incapace di reagire alla grande vena offensiva dei Warriors.

72 punti nei primi 2 quarti e +28 il distacco, con Steph Curry in pieno controllo della gara e dall’altra parte, uno dei grandi attesi, ovvero LaMarcus Aldridge, non riesce ad essere incisivo, concludendo con soli 8 punti. L’attacco dei texani fa una grande fatica a trovare la giusta efficacia e i terminali offensivi vengono limitati come meglio non si può. Si capisce con largo anticipo come andrà a finire la contesa, con i Warriors che dilagano e chiudono in positivo ogni frazione della gara, superando già quota 100 punti nel terzo quarto. Coach Mike Brown allunga la rotazione a 13 giocatori e il dato curioso è che tutti riescono ad andare a referto, contro quella che si è sempre dimostrata la migliore difesa della Lega. Grande delusione sul volto di coach Gregg Popovich e testa già proiettata a gara-3, quando si andrà a giocare a San Antonio.

Termina 136-100 in favore dei californiani, che si portano così sul 2-0 nella Serie e concretizzando una grande prova di forza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *