epa03599029 Dallas Mavericks' German player Dirk Nowitzki reacts after scoring a three point basket against the Los Angeles Lakers in the second half of their NBA basketball game at the American Airlines Center in Dallas, Texas, USA, 24 February 2013. EPA/LARRY W. SMITH CORBIS OUT +++(c) dpa - Bildfunk+++

NBA, NOWITZKI NELLA STORIA, IL TEDESCO ARRIVA OLTRE I 30.000 PUNTI

Un posto nella storia se l’è ritagliato per sempre Dirk Nowitzki che entra nell’elitatrio club dei giocatori ad aver realizzato oltre 30.000  punti in carriera i cui membri, insieme al tedesco, sono Wilt Chamberlain, Kobe Bryant, Michael Jordan, Kareem Adul-Jabbar e Karl Malone, compagnia mica da poco.
Poco più che una formalità per il quasi 39enne di Wurzburg mettere insieme i venti punti che gli mancavano per raggiungere il traguardo contro i derelitti Lakers, squadra che, ironia della sorte aveva assistito al raggiungimento di quota 20.000 il 13 gennaio del 2010.
Si parte subito con una triple e tiri in sospensione, il marchio di fabbrica di Wunderdirk, in un primo quarto monstre da 18 punti totali, in stile tempi d’oro.
I Lakers non ci sono e provano a non staccarsi eccessivamente con la tripla di D’Angelo Russel.
Ma la scena è tutta di Nowitzi e il momento che resterà scolpito è a 10,57 dalla fine del secondo quarto quando con un tiro in allontanamento dei suoi in faccia a Larry Nance arriva il punto numero 30.000 nel tripudio dell’American Airlines Center tutto per lui.
Tra i presenti anche il suo mentore coach Holger Geshwindner che si commuove di fronte alle gesta del suo allievo.
La festa prosegue quando il numero 41 mette la tripla del più 17 Mavs che sentenzia la partita già nel secondo periodo, prima di andarsi a prendere l’abbraccio dei compagni e del vulcanico proprietario della franchigia Mark Cuban.
La gara è senza storia, con i Lakers sotto anche di 31 punti.
Finisce 122 a 111 per Dallas che continua a sperare nel sogno playoff,  ma questo quasi non conta di fronte all’immensità di Dirk Nowitzki, una delle leggende del basket che chiude con la doppia doppia da 25 punti e 11 rimbalzi ma soprattutto entra nel gotha, li dove deve stare un 2,15 con le movenze da guardia che ha rivoluzionato il concetto di “lungo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *