buffon

JUVE-REAL, TRA RITORNI E VISTA SUL PALLONE D’ORO

A Cardiff gli incroci e i motivi di spunto da qui alla finalissima del 3 giugno saranno innumerevoli, cosi come lo sarà la posta in palio perchè se è vero che c’è la coppa dalla grandi orecchie da conquistare dopo aver fatto posto in bacheca, in ballo anche tanti primi individuali, a partire da quello più ambito: il pallone d’oro.
Per i blancos in lizza, giusto per fare un nome a caso, il solito Cristiano Ronaldo a caccia del quinto pallone dorato…per i bianconeri invece è Buffon il maggior indiziato in caso di vittoria in finale: un pallone d’oro che rappresenterebbe il giusto premio per una carriera sempre ad altissimi livelli.
Poi, da non sottovalutare il fattore emotivo:   tre gli ex di maggior rilievo in campo con Khedira ed Higuain da un lato, Alvaro Morata dall’altro; per il pipita gli anni al Santiago Bernabeu sono stati sostanzialmente quelli della consacrazione: 122 marcature in quasi 300 apparizioni testimoniano, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la verve realizzativa dell’argentino che con le maglie di Napoli e Juve di certo non ha perso il vizio del gol.
A centrocampo invece è Khedira che nella notte di Cardiff dovrà stingere la mano di molti ex compagni, lui che con la camiseta blanca ha disputato più di 150 partite non disdegnando di tanto in tanto di buttarla dentro ma facendo degli assist il proprio punto di forza.
Senza dimenticare Alvaro Morata, lui che grazie ai due anni in quel di Torino ha conquistato due scudetti ma soprattutto si è ripreso il Real , squadra lasciata per fare esperienza altrove e nella quale però ancora non riesce ad imporsi nelle vesti di punta titolare.
La Champions a portata di mano e un Pallone d’Oro tutt’altro che scontato: un match nel quale nessuna delle due parte favorita o svantaggiata, saranno i 90 minuti a decretare la squadra più forte d’Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *