inter

Inter, archiviare in fretta il post Chievo

Uno scivolone è contemplato, ma quando hai gli occhi puntati addosso e quando ti chiami Inter tutto è diverso. Se si aggiunge che era la prima per Frank De Boer, la prima per la nuova presidenza, il clamore per la sconfitta è immediato. Condizione fisica precaria, molti giocatori realmente senza i 90 minuti sulle gambe e delle scelte per la retroguardia francamente inspiegabili. Non solo sul tecnico pesa il mancato utilizzo di Perisic dal primo minuto. E’ stata questa l’inter all’esordio. Ci vuole tempo ha commentato il tecnico, che forse non sa bene che in Italia, di tempo ce n’è poco per dimostrare di essere competitivi. Anche perché il mercato che i neroazzurri stanno ultimando ha visto già diversi soldi sborsati e pronti per essere sborsati. Quelli per Candreva e quelli che per Joao Mario che la dirigenza sarebbe pronta a mettere a bilancio. Continua ovviamente il braccio di ferro tra Inter e Sporting, o per meglio dire tra Uefa e neroazzurri: alla base della discordia sempre il FFP. In uscita intanto c’è già Erkin, si prova a sondare il terreno per un altro terzino che sembra portare a Mimmo Criscito. Erkin non rientra nei piani di De Boer, nessuna lite nessun problema, semplicemente una pura scelta tecnica. E visto la gara di domenica, un cambio nella linea difensiva può fare solo bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *